IT

Scegliere una lingua

 

Materiali plastici ESD

Materiali plastici antistatici e conduttivi

Röchling offre una gamma completa di materiali plastici e lastre ESD

L’esperimento preferito durante le lezioni di fisica è quello in cui una pellicola di materiale plastico viene caricata elettrostaticamente tramite l’attrito. Allo stesso modo, in molte aree dell’industria, i componenti dell’impianto possono essere caricati elettrostaticamente per attrito. Quando queste tensioni si scaricano possono essere pericolose per gli esseri umani o, in aree soggette a rischio di incendio e esplosione, le polveri e i gas possono infiammarsi a causa delle scariche elettriche. Le cariche elettrostatiche possono anche essere la causa di guasti elettromagnetici su dispositivi sensibili. L’impiego di materiali plastici elettricamente conduttivi e antistatici può essere la soluzione giusta.

Materiali plastici elettricamente conduttivi

I materiali plastici con proprietà elettricamente conduttive definite possono dissipare le cariche elettrostatiche in modo controllato e duraturo. Sono utilizzati in vari settori, come l’industria elettronica e dei semiconduttori, la costruzione di sistemi di ventilazione, ventilatori e pompe, la tecnologia medica, l’industria chimica e farmaceutica, i mulini per cereali e altre industrie in cui il materiale inerte genera polvere durante il trattamento di liquidi infiammabili e gas, ad esempio nelle stazioni di servizio, negli aeroporti e negli impianti di produzione di gas, nell’industria cartaria, nella fabbricazione di tessuti o pellicole o nell’industria mineraria. Grazie ai suoi numerosi e svariati profili, la gamma di materiali plastici elettricamente conduttivi di Röchling offre il massimo livello di sicurezza per queste applicazioni.

ATEX

Se una scarica genera l’energia di accensione necessaria in ambienti potenzialmente esplosivi, noti come zone Ex, può verificarsi una scarica di scintille e quindi i materiali esplosivi possono accendersi. La direttiva europea ATEX (dalla francese "ATmosphère EXplosive") 94/9/CE contiene norme per l’uso di componenti e sistemi in ambienti potenzialmente esplosivi.

L’uomo percepisce le scariche elettrostatiche come una piccola scarica elettrica solo a partire da 3000 volt. I componenti utilizzati nell’industria elettronica e dei semiconduttori sono molto più sensibili. Anche le scariche molto inferiori a 100 volt possono influire o addirittura distruggere componenti sensibili (ESDS = Electrostatic Discharge Sensitive Devices). La conseguenza è un danno permanente o un guasto immediato del componente. I materiali che vengono a contatto con componenti elettronici così sensibili devono quindi avere proprietà elettricamente dissipative.

Röchling Industria offre un’ampia gamma di materiali plastici tecnici e ad alte prestazioni per le industrie che richiedono ai materiali plastici un’elevata conduttività elettrica. Oltre alle proprietà "convenzionali" come l’eccezionale resistenza chimica, le elevate proprietà di scorrimento o l’alta resistenza all’abrasione, le proprietà ignifughe o autoestinguenti o l’idoneità all’uso a temperature elevate, hanno anche una proprietà elettrica definita, da antistatica a conduttiva.
 

Protegge i componenti sensibili: I materiali plastici elettricamente conduttivi possono impedire la distruzione da scariche elettrostatiche
+
Protegge i componenti sensibili: I materiali plastici elettricamente conduttivi possono impedire la distruzione da scariche elettrostatiche
Nuovo sviluppo per la costruzione di sistemi di ventilazione: grazie al tessuto a maglia di vetro sul retro delle lastre Polystone® PP EL GK può essere molto facilmente e saldamente legato ad altri materiali.
+
Nuovo sviluppo per la costruzione di sistemi di ventilazione: grazie al tessuto a maglia di vetro sul retro delle lastre Polystone® PP EL GK può essere molto facilmente e saldamente legato ad altri materiali.
Resistenza superficiale nuovamente ridotta: il componente SUSTARIN C ESD 90 PLUS (POM) è protetto dalle scariche elettrostatiche.
+
Resistenza superficiale nuovamente ridotta: il componente SUSTARIN C ESD 90 PLUS (POM) è protetto dalle scariche elettrostatiche.

Gamma di prodotti - materiali plastici ESD / lastre in materiale plastico ESD

Polystone® PPs EL

Polystone® PPs EL GK

Polystone® G nero EL

Polystone® M (PE-UHMW), Polystone® D (PE-HD)

Polystone® PVDF EL

SUSTAPEI ESD 90 (PEI)

SUSTAPEEK CF 30 (PEEK)

SUSTAPVDF ESD 60 (PVDF)

SUSTAMID 6 ESD 60 (PA 6)

SUSTAMID 6G ESD 90 (PA 6 G)

SUSTARIN C ESD 60 (POM)

SUSTARIN C ESD 60 PLUS (POM)

SUSTARIN C ESD 90 (POM)

SUSTARIN C ESD 90 PLUS (POM)

 

Comportamento di isolamento

Il comportamento di isolamento di un materiale è definito dalla resistenza a una corrente che lo attraversa. La resistenza di volume si applica solo alla corrente che fluisce attraverso l’interno del materiale e non a quella parte di corrente che scorre sulla superficie. La resistenza della superficie misurata su due elettrodi applicati alla superficie del materiale, si applica anche a parte della corrente che scorre all’interno.

Per valutare l’idoneità di un materiale per un’applicazione ESD (ESD = Electro Static Dissipation) il parametro maggiormente importante è la resistenza della superficie, poiché influisce in modo decisivo sulla carica elettrostatica e sulla scarica di un materiale. Assicuratevi che il materiale scelto e utilizzato non sia caricabile elettrostaticamente, ovvero che la resistenza superficiale sia inferiore a 109 Ω.

La resistenza della superficie può essere suddivisa in tre livelli di resistenza:

Elettrostaticamente conduttiva

I materiali con valori di resistenza superficiale inferiori a 106 Ω sono elettrostaticamente conduttivi. Questi materiali sono in grado di dissipare portatori di carica applicata nel più breve tempo possibile. Dal momento che il tempo di scarica è molto breve, i materiali conduttivi non sono adatti per tutte le applicazioni ESD, poiché i picchi di tensione che si verificano possono causare danni ai componenti elettronici sensibili alle scariche elettrostatiche.

Elettrostaticamente dissipativa

I materiali sono descritti come elettrostaticamente dissipativi, se la loro resistenza della superficie è compresa tra 106 Ω e 1012 Ω. Questi materiali sono in grado di dissipare portatori di carica applicata all’interno di un tempo definito. La carica di questi materiali è limitata. I materiali con valori di resistenza superficiale inferiori a 109 Ω non sono caricabili elettrostaticamente.

Isolante

I materiali con una resistenza della superficie specifica superiore a 1012 Ω sono descritti come isolanti. Gli isolanti hanno una conduttività molto bassa. Per questo motivo i portatori di carica applicati rimangono a lungo sulla superficie di questi materiali e vengono dissipati solo lentamente. I carichi di molte migliaia di volt sono quindi possibili senza difficoltà. I materiali isolanti non sono adatti alle applicazioni ESD.

Resistenza di volume

Un’ulteriore caratteristica del materiale elettrostatico è la resistenza di volume. Quando un materiale viene modificato, la resistenza di volume e la resistenza di superficie vengono spesso ridotte. Per un gran numero di applicazioni la resistenza di volume è insignificante.

 
Search
Contatto

Share

Newsletter Registration

Select Website

Roechling_Industrial_Banner.jpg
Materie plastiche per applicazioni tecniche

Industrial